appunti sull’utilizzo della Canon Eos 6D – 5DmIII vs 6D

Dopo aver dato via una 5D mark2, ho preso da una settimana una Canon eos 6D. Adesso lavoro quindi con 5D mark III e 6D.

La necessità è nata dal voler avere un secondo corpo macchina che potesse reggere gli iso della 5D m3, non amando l’uso del flash tendo infatti a spingere gli iso. Nei matrimoni, dove per esempio cerco di ottenere un’immagine più pulita rispetto a quanto posso fare per il giornalismo, cerco di non superare i 4000iso, un valore simile era, a parer mio, impensabile per la 5D mark2, mi trovavo quindi a lavorare con la mark3 senza flash ma con la mark 2 con il 580 montato.

Tra qualche giorno battezzerò la 6D al suo primo servizio matrimoniale, nel frattempo ci ho giocato un po’ e ho pensato, visto le migliaia di visualizzazioni sul post della 5D m3 (vedi articolo) di appuntare in questa pagina le impressioni su questa macchina, lista che cercherò di implementare man mano che conoscerò meglio questo nuovo giocattolo.

aggiornamento del 27/6/14

Ieri ho potuto scattare circa 800 fotografie durante un servizio matrimoniale, ci sono alcuni gap che non avevo preso in considerazione prima dell’acquisto. Ci si potrà chiedere perchè non abbia prestato attenzione su queste mancanze ma sinceramente non ho fatto caso se ci fosse o meno, per esempio, un bottone per la selezione del WB (Bilanciamento del Bianco) dato che ce l’ha persino la 600D, di due fasce inferiore. Per cambiare il bilanciamento infatti occorre premere Menù, cercare la scheda delle opzioni tra cui troviamo il WB, selezionarlo e cambiare. L’assenza del bottone dedicato mi ha fatto piuttosto innervosire anche perchè il bianco automatico negli interni è piuttosto scadente, occorre quindi intervenire continuamente per settarlo in base alla situazione in cui ci si trova, cosa necessaria quando si scatta per la cronaca, quando cioè non si ha tempo di processare il raw in post produzione e lo scatto deve essere buono da subito.

Pro

– dimensioni ridotte

– wi-fi integrato con scatto remoto e liveview da App per smartphone

– scatto silenzioso e discreto anche senza la funzione S

Contro

– assenza di joystick per cambio punto messa a fuoco

– impossibilità di registrare video da live view remoto (APP/smartphone)

– scatto fino a 1/4000. Amo scattare a f1.6 e in pieno giorno è un problema non andare più veloci di 1/4000, anche abbassando gli iso a 50 si sovraespone.

– il cambio del bilanciamento del bianco si può fare solo entrando nel menù, non c’è un pulsante dedicato. La cosa rallenta la procedura in modo non indifferente.
– negli interni il bilanciamento automatico del bianco scadente e molto impreciso, la macchina tende sul rosso, se la condizione in cui si fotografa è stabile, consiglio di fare un bilanciamento manuale o settare direttamente i Kelvin. per il resto raw da lavorare in post.
– Legge solo schede di memoria SD, chi usa reflex PRO ha una buona scorta di Compact Flash, comprando la 6D si dovranno spendere altri soldini per delle buone e capienti SD.

 

segui_fabio_marras_facebook